Come effettuare le bonifiche da amianto? A spiegarlo sono due recenti fact sheet Inail, che tramite il Dipartimento innovazioni tecnologiche e sicurezza degli impianti, prodotti e insediamenti antropici (Dit), insegnano il modo corretto di recuperare ambienti e materiali inquinati. I fact sheet “Bonifica delle coperture in cemento amianto” e “Bonifica dei materiali contenenti amianto in matrice friabile”, vale a dire le schede divulgative del Dit, spiegano bene le diverse distinzioni e tipologie di materiali contenenti amianto, indicando i metodi di rimozione alle sovracoperture ed i vari metodi di bonifica tra cui rimozione, l’incapsulamento e la sovracopertura. Fondamentale è l’attenzione in tutte le fasi di intervento tra cui smontaggio, sollevamento, primo imballaggio, messa a terra, imballaggio finale per evitare dispersione di fibre pericolose in aria. Importantissimo anche l’utilizzo di cartelli, facciali e tute per proteggersi da inalazioni nocive non dimenticando dispositivi di protezione, collettivi e individuali e alle misure di sicurezza, distinguendole a seconda della bonifica da effettuare. Necessari i “dispositivi di terza categoria, come facciali filtranti monouso da indossare sotto il copricapo della tuta di lavoro, guanti e tute in tessuto non tessuto, stivali in gomma oppure scarpe alte antinfortunistiche”. Questi ed ulteriori consigli sulle operazioni di bonifica dei materiali friabili e sul corretto smaltimento dei rifiuti correlati sono contenuti nelle sezioni fact sheet dell’Inail, che continua a svolgere il suo fondamentale ruolo di divulgazione e prevenzione.

Il sito Inail: https://www.inail.it/cs/internet/comunicazione/news-ed-eventi/news/news-fact-sheet-amianto-2019.html&tipo=news

Area Comunicazione