ll 15 luglio 2019 è stata pubblicata sul BURC (Bollettino Unico Regione Campania) la legge Regionale n. 13 dell’8 luglio 2019 “Norme in materia di riduzione dalle esposizioni alla radioattività naturale derivante dal gas radon in ambiente confinato chiuso”. Con le nuove norme la Campania si adegua all’Europa, in merito alla valutazione per il RADON negli ambienti accessibili al pubblico, prevedendo campagne di monitoraggio a carico di esercenti e proprietari di edifici.

Gli esercenti di attività sono obbligati, entro e non oltre il 15 ottobre 2019 ad avviare le misurazioni sul livello di concentrazione di attività del gas radon, da svolgere su base annuale suddivisa in due distinti semestri (primavera-estate e autunno-inverno) per tutte le attività svolte nei seguenti edifici:

– edifici strategici di cui al decreto del Ministro delle infrastrutture 14 gennaio 2008, n. 29581 (Approvazione delle nuove norme tecniche per le costruzioni) e destinati all’istruzione, compresi gli asili nido e le scuole materne;

– interrati, seminterrati e locali a piano terra degli edifici diversi da quelli di cui alla lettera a) e aperti al pubblico, con esclusione dei residenziali e dei vani tecnici isolati al servizio di impianti a rete.

Dopo aver completato il monitoraggio dovranno trasmettere gli esiti, entro un mese dalla conclusione del rilevamento, al Comune interessato e ad ARPA Campania della ASL di riferimento. In caso di mancata trasmissione delle misurazioni entro diciotto mesi dalla data di entrata in vigore della legge, il Comune provvederà a intimare con ordinanza la trasmissione delle misurazioni svolte, concedendo un termine non superiore a trenta giorni, la cui eventuale e infruttuosa scadenza comporterà la sospensione per dettato di legge della certificazione di agibilità.

Area Comunicazione