In un recente avviso pubblico, il Ministero dell’Istruzione ha reso nota la futura costruzione di nuove palestre e strutture scolastiche sportive e la messa in sicurezza di quelle già esistenti. Saranno messi a disposizione circa 50 milioni nell’ambito della programmazione triennale nazionale per l’edilizia 2018-2020. Compito delle Regioni sarà quello di individuare gli interventi da realizzare, seguendo il “livello di progettazione preferibilmente definitiva e/o esecutiva; interventi ricadenti in area a elevato tasso di deprivazione territoriale o carente di altre strutture sportive scolastiche; interventi ricadenti in aree caratterizzate da un elevato tasso di dispersione scolastica”. L’obiettivo è quello di rilanciare lo sport a scuola ponendo l’accento sull’aspetto educativo della materia, fornendo “spazi fruibili al di fuori dall’orario scolastico, un modo per contrastare la dispersione scolastica e, al contempo, favorire la diffusione della pratica sportiva tra i giovani” ha spiegato il Ministro.
Scelta cruciale quella del Ministero di mettere in sicurezza le strutture esistenti, le cui carenze da tempo preoccupavano genitori e collettività, non consentendo un sereno sviluppo delle attività sportive e scolastiche. Tutte le iniziative legate alla “cultura della sicurezza”, anche quelle di aggiornamento ed ammodernamento di quanto già esiste, sono ben accolte da Assoprevenzione, consapevoli che si possa fare tanto per la collettività, cambiando prospettiva ed investendo in un settore troppo spesso dimenticato, ma importantissimo, come quello della sicurezza, per il bene della società e per il bene, in primis, delle nuove generazioni, meritevoli di tutela e di impegno più di chiunque altro. Un plauso dunque all’iniziativa, nella consapevolezza che la dotazione di 50 milioni sia per il momento ancora non sufficiente rispetto alla mole, ingente, di importanti interventi strutturali necessari per la messa in sicurezza degli istituti scolastici italiani. Un passo avanti è stato comunque compiuto.

Area Comunicazione